+39 0583 641006 info@iviaggidiandrea.it

Uzbekistan, nel cuore dell’Asia: lungo la via della seta

0
Prezzo
Da1,700 €
Prezzo
Da1,700 €
Nome e cognome*
Indirizzo e-mail*
La tua richiesta*
Salva nella Lista dei Desideri

Adding item to wishlist requires an account

371

Perché prenotare con noi

🏷️ Miglior prezzo garantito.

🤝 Assistenza clienti, sempre disponibile.

🎨 Tour e tante idee di viaggio, personalizzabili.

🛡️ Viaggio sicuro.

Quale sarà la tua prossima destinazione?

Hai un dubbio?

Telefona, scrivi o passa in agenzia!

📞 Telefono: +39 0583 641006

📧 E-mail: info@iviaggidiandrea.it

📍 Indirizzo: Piazza del Duomo 6/7, Castelnuovo di Garfagnana (LU)

8 giorni/7 notti
Date: tour prenotabile dal 16/10/2022 al 16/10/2023
Italia
Tashkent/Urgench/Khiva/Bukhara/Shakhrisabz/Samarcanda

 

Viaggio in aereo + trasferimenti privati, in loco • 8 Giorni • QUOTE per PERSONA in EURO • Minimo 2 partecipanti • con Accompagnatore dall’Italia • Volo dall’Italia

Importante da sapere!!! Annulla il tuo viaggio SENZA PENALE fino a 45 giorni dalla partenza

Tour esclusivi con accompagnatore pensati solo per voi!

Questo viaggio per conoscere il paese lungo “la via della seta”.  Per visitare Samarcanda, la città di pietra. Per scoprire Bukhara, la città dove il tempo si è fermato.

Un viaggio è prima di tutto un sogno, di Silvana Muroni, dal concorso “raccontaci un’emozione 2018”.
Un viaggio è prima di tutto un sogno…
Chi parte per ripercorrere la Via della Seta cerca le suggestioni dei minareti, lo splendore delle madrase, Alessandro Magno e Marco Polo: il mito e la leggenda; la furia di Gengis Khan, le vestigia di Tamerlano.
Passato e presente si fondono in Uzbekistan: deserti e città secolari, antiche fortezze e campi di cotone, mura di fango, maioliche splendenti e palazzi contemporanei.
Cammelli e treni ad alta velocità: una storia millenaria per un Paese crocevia di genti che percorrevano l’Asia da Oriente e da Occidente.
Un Paese dove per secoli si sono incrociati i destini di popolazioni diverse. 
Ovunque si ha la possibilità di conoscere la vita locale.
La cortesia delle donne che con un dolce sorriso ti propongono i loro lavori: tappeti e ricami in seta. Quasi nessuna è velata. 
Il Paese ha i ritmi dolci dettati dalla steppa, i lunghi trasferimenti con la rara visione di qualche jurta, tipica abitazione dei popoli nomadi, dal fascino struggente.
Significativa per immaginare l’Uzbekistan di qualche secolo fa è Khiva, dove si intuisce lo spirito di città carovaniera, con imponenti bastioni di fango e paglia.
A Bukhara suscita ammirazione il mausoleo di Ismail Samani: una semplicità apparente che ti lascia senza fiato, un vero gioiello architettonico!
Tashkent guida la modernizzazione.
Samarcanda è il nome più evocativo… l’ineluttabilità del destino cantata da Vecchioni. Il suo fascino antico si stempera nella varietà che la tavolozza dei colori umani mescola tutti i giorni da queste parti, creando ogni volta una tinta nuova.
Il Registan è un colpo al cuore di bellezza, geometria celeste, maestà imponente: di giorno le sue maioliche policrome legano il cielo terso dell’Asia alle tinte ocra della terra; scesa la sera il suo fascino ti avvolge con le imponenti madrase che, sapientemente illuminate, fanno avvertire la volta celeste più vicina…

Samarcanda, è una città dell’Uzbekistan, capoluogo della regione omonima e terza città del Paese per popolazione. La città, il cui etimo significa “fortezza di pietra” si trova lungo la via della seta nel percorso tra la Cina e l’Europa, praticamente al centro dell’Eurafrasia.  Situata al centro delle principali rotte commerciali asiatiche Samarcanda, nel corso della sua storia lunga circa 2750 anni fu parte dell’Impero Persiano, successivamente fu sotto influenza araba, poi timuride, uzbeka e, in epoche più moderne, fu dapprima sotto l’impero russo e infine parte dell’Unione Sovietica fino al 1991.  Si trova a 702 metri s.l.m. e, nonostante si trovi in Uzbekistan, la maggior parte degli abitanti è di lingua tagica.  Dal 2001 la città figura nella lista dei Patrimoni dell’Umanità dell’Unesco sotto il titolo di  Samarcanda – Crocevia di culture.

Bukhara, la città dove il tempo si è fermato. 
Bukhara risale a circa 2500 anni fa, punto di approdo delle grandi carovane di mercanti ai tempi della Via della Seta. Un’antica leggenda racconta di un’oasi magica nascosta tra i due deserti distesi tra India e Cina. Antico centro mercantile, Bukhara ha mantenuto nel tempo lo spirito commerciale del passato.  Nelle piccole botteghe del centro storico il tempo sembra essersi fermato. Qui  la tradizione è attualità.  Qui si respira ancora l’atmosfera dell’antichità, quando Bukhara era un centro importante lungo la Via della Seta. Anche oggi, sotto queste cupole, si continuano a vendere cosa è stato portato qui centinaia di anni fa, così come i prodotti di artigianato locale. Il minareto di Kalayan è tra i più antichi di Bukhara e anche il suo simbolo. Usato in antichità come faro, il minareto di Kalayan è stato per secoli il più alto minareto dell’Asia Centrale. Tra i centri dichiarati Patrimonio dell’Unesco, a Bukhara le meraviglie sono a ogni angolo. Tra queste il Mausoleo Ismail Samani, fondatore della dinastia dei  Samanidi. Con il mutare del clima cambia anche il colore del mausoleo. Effetto dovuto alla tecnica con cui è stato costruito. “L’architetto che ha creato il mausoleo ha usato 18 tecniche diverse per incastrare i mattoni,  se ci si avvicina all’edificio e lo si guarda attentamente si nota che ogni facciata ha 10 finestre. Ogni finestra una propria decorazione di mattoni. Le 10 finestre di ogni facciata sono tutte diverse.  Il famoso medico e filosofo dell’antichità Avicenna era originario di un piccolo villaggio poco lontano Bukhara.  La sua era una presenza costante nelle sale della Fortezza di Ark, residenza dell’emiro, distrutta e ricostruita più volte nel corso dei secoli.  La tradizione popolare racconta anche come Avicenna fosse noto per aver ideato alcune delle ricette entrate a far parte della tradizione culinaria uzbeca. Crocevia di merci e popolazioni, Bukhara ha sempre mostrato apertura verso le altre culture.  Bakshillo Djumaev è un maestro del ricamo.  La sua specialità consiste nel ricamare insieme seta e filamenti di oro. Per ogni capo possono volerci fino a  6 mesi di lavoro. A Bukhara si trova anche il mausoleo del fondatore del più importante ordine dei Sufi nel mondo Naqshband.  Artigiano, amava ripetere che le braccia andavano riempite di lavoro e il cuore di Dio.

OPERATIVO VOLI TURKISH DA ROMA:
FCO/IST TK 1862 11.25/14.55
IST/TAS TK 370 18.25/00.40 # 
TAS/IST TK 369 09.00/12.20
IST/FCO TK 1865 17.15/18.50

Programma

1° Giorno Italia/Tashkent

Partenza per Tashkent con voli di linea Turkish. All’arrivo trasferimento in hotel. Pernottamento.

2° Giorno Tashkent “la capitale" - Urgench - Khiva

Prima colazione in hotel. Intera giornata dedicata alla visita di Tashkent: la parte vecchia della città (Hast-Imam il più grande centro religioso, Mui Muborak madrasa, Mausoleo di Khodja Bobo, Moschea Namazgokh, mercato Chorsu, Moschea di Khodja Ahror, Museo di Arti Applicate) e la parte nuova (Piazza Indipendenza, Piazza di Amir Temur, Moschea Minor, Piazza Navoi). Pranzo in ristorante. Nel tardo pomeriggio trasferimento in aeroporto. Partenza con volo di linea Uzbekistan Airlines HY 57 alle ore 18.20 per Urgench. Arrivo alle ore 20.00. All’arrivo trasferimento a Khiva. Cena in ristorante. Serata libera. Accompagnatore a disposizione. Pernottamento.

3° Giorno Khiva “la città di Shaherizada" - Bukhara

Prima colazione in hotel. Al mattino visita di Khiva (Minareto e Madrassa di Khodja, Moschea di Juma, la casa di Pietra, il bazar, Madrassa Allah Kuli Khan, Kunya Ark, il Mausoleo di Pakhlavan Mahmud). Pranzo in ristorante. Partenza in bus per Bukhara. Arrivo in serata. Sistemazione in hotel. Cena in hotel. Serata libera. Accompagnatore a disposizione. Pernottamento.

4° Giorno Bukhara “la città dove il tempo si è fermato"

Prima colazione in hotel. Intera giornata dedicata alla visita di Bukhara, antica capitale del Regno Samanida (il Mausoleo Chashmai-Ayub del XII secolo, Mausoleo Ismail Samani, Moschea di Bolo Khauz, Piazza Poikalon, il mercato di Tim Abdulla Khan, Madrassa Kukeldash, Madrassa Nodir Divan Begi). Pranzo in ristorante. Cena in ristorante tipico con spettacolo folcloristico. Pernottamento.

5° Giorno Bukhara - Shakhrisabz “la città natale di Tamerlano" - Samarcanda

Prima colazione in hotel. Partenza per Shakhrisabz, la città natale di Tamerlano. Pranzo in ristorante. Visita della città Patrimonio dell’Unesco (i resti del Palazzo Imperiale Ak-Saray, i complessi funebri Dorut-Soriat e Dorut-Tilovat, la Moschea Kok-Gumboz). Arrivo in serata a Samarcanda. Cena in ristorante tipico. Serata libera. Accompagnatore a disposizione. Pernottamento.

6° Giorno Samarcanda “la capitale dell’Impero di Tamerlano"

Prima colazione in hotel. Intera giornata dedicata alla visita di Samarcanda, una delle città più antiche del mondo con 2750 anni di storia (Piazza Registan, una delle più belle piazze del mondo, le Madrasse Sher Dor, Tilla Kori, osservatorio astronomico Ulug bek, la Moschea Bibi Honim dalla gigantesca architettura, Siab Bazar il mercato tradizionale, il Mausoleo di Tamerlano). Pranzo in ristorante. Cena in hotel. Serata libera. Accompagnatore a disposizione. Pernottamento.

7° Giorno Samarcanda “la via della seta" - Tashkent

Prima colazione in hotel. Al mattino continua la visita di Samarcanda (Mausoleo di Shahi Zinda situato sul pendio della collina dell’antica Samarcanda con splendida veduta sulla città medievale, la cartiera Konighil, rovine di Afrasiab). Pranzo in ristorante con piatti tipici – tempo libero. Alle ore 18.00 partenza con treno Afrasiab alta velocità per Tashkent. Arrivo alle ore 20.10. Cena in ristorante tipico. Pernottamento.

8° GiornoTashkent/Italia

Prima colazione. Trasferimento in aeroporto. Partenza con voli di linea Turkish per il rientro in Italia.

Dettagli

Date di partenza

[ Partenza garantita ]

2022

 

Ottobre

16

 

2023

 

Giugno

26

 

Luglio

24

 

Agosto

07

 

Settembre

12

 

Ottobre

16

 

 

Possibilità di altre date a richiesta!!

La quota comprende

  • Viaggio A/R Italia/Uzbekistan con voli di linea Turkish;
  • Volo di linea Uzbekistan Airlines Tashkent/Urgench;
  • Viaggio in treno Afrasiab alta velocità Samarcanda/Tashkent;
  • Trasferimenti aeroporto/hotel e viceversa;
  • Tour Uzbekistan in autobus GT;
  • Sistemazione in Hotel 3/4 stellecon trattamento di mezza pensione come da programma;
  • Prime colazioni a buffet;
  • 6 pranzi in ristorante;
  • Acqua naturale inclusa durante i pasti;
  • Guida professionista locale per tutta la durata del tour;
  • Tasse, I.V.A.;
  • Ingressi in tutti i siti indicati;
  • Accompagnatore dall’Italia;
  • [ Le visite previste potranno essere invertire in funzione degli orari di apertura dei musei o per esigenze tecniche, ma il programma rimane invariato ].

La quota non comprende

  • Tasse aeroportuali [ salvo modifiche ] € 356
  • Assicurazione obbligatoria [ incluso annullamento viaggio]  € 119
  • Quota di iscrizione € 50 
  • Mance [ all’arrivo l’accompagnatore raccoglie un importo unico, da quantificare, con il quale vengono assegnate le mance a guide ed autisti durante il tour ];
  • Posto assegnato a bordo dei voli;
  • Supplemento camera singola: €.200 per tutto il tour [ su richiesta ];
  • Bevande ai pasti;
  • I pasti non menzionati o definiti liberi;
  • Visite ed escursioni facoltative.
  • Gli ingressi, non specificati;
  • Le assicurazioni, non specificate, che restano tutte facoltative [ richiedi informazioni dettagliate in agenzia ];
  • Extra personali e tutto quanto non specificato ne “le quote comprendono”.

Supplementi facoltativi

  • Camera singola: € 200 per tutto il tour [ su richiesta ];
  • Posto assegnato a bordo: [ su richiesta ].

Modalità di pagamento

  • Acconto all’atto d’iscrizione: € 850
  • Saldo non oltre 21 giorni prima della data di partenza: € 850

Documenti richiesti per l’imbarco

  • Passaporto individuale con validità residua di 6 mesi
  • Visto consolare
it_ITItalian
WhatsApp chat